Nel territorio comunale è stato rinvenuto un interessante luogo di culto, nella contrada Fonte, databile alla prima metà del VI secolo a.C., che segnava con la sua posizione i confini di Poseidonia; notevole e inconsueto è il rinvenimento nei pressi del santuarietto rurale di sepolture italiche, da riferirsi agli indigeni che abitavano in origine la pianura ed erano stati costretti a spostarsi all’interno dall’arrivo dei coloni achei che fondarono Poseidonia intorno al 600 a.C. (reperti esposti al Museo nazionale di Paestum).